Crea sito
12th

Martedì 27 Ottobre 2015 – ore 19,00

presentazione libro fotografico

presentazione del libro tratto dall’omonimo
spettacolo teatrale

“TI RACCONTO DI NOI…
C’ERA UNA VOLTA APRILIA”
a cura dell’ Ass. Colori nel Mondo

presso la Sala del Comitato di Quartiere Aprilia Nord
Via Veneto, 2 – Aprilia

INGRESSO GRATUITO

ott 12th by ceraunavoltaprilia

24th

Il viaggio TI RACCONTO DI NOI…

ceraunavoltapriliahomeIl viaggio intrapreso con il cast di Ti racconto di noi…è arrivato alla prima fermata. Si è concluso con grande commozione e nostalgia. Ma si è fermato solo per una ricognizione.
Ora ci si chiede: cosa succederà?! E tutti i racconti che fine faranno?!
Sicuramente rimarranno nel cuore di noi tutti che abbiamo partecipato alla realizzazione di questo meraviglioso viaggio e mi auguro che si stampi come una fotografia nella memoria di tutti i partecipanti agli spettacoli, ai ragazzi che, grazie alle scuole, hanno viaggiato su questo lunghissimo treno dei ricordi. Ma, come dicevo è solo una fermata di ricognizione, perché il viaggio riprenderà e la prossima tappa sarà in autunno presso il teatro Europa.
Una data ancora non è stata fissata ma sarà comunicata al più presto.
Dai finestrini del vagone vi salutano con un caloroso abbraccio ed un arrivederci:

Giuliano Leva, Cristiano Puddu, Giulio Tassi, Sabrina Leva, Christian Sana, Antonio Amore, Pietro Nencini, Pasqualino Nuti, Sandro Grasselli, Dino Massarenti, Tonino D’Annibale, Pina Farina, Giammaria Massimo, Maria Teresa Trappolini, Roberto Nuti, Rita Nuti, Carlotta Battagliero, Riccardo Rettaroli, Fabio Battagliero e poi…Grazie

Giuliano Leva

mag 24th by ceraunavoltaprilia

13th

Il 21 aprile torna in scena per le scuole

La messa in scena, riservata agli studenti della scuola Marconi, è prevista alle 9.30 del mattino presso “Il Pidocchietto” di via dei Lauri.

ceraunavoltapriliahome

 

Martedì 21 aprile verrà riproposto per gli studenti apriliani lo spettacolo teatrale “Ti racconto di noi…c’era una volta Aprilia” del regista pontino Giuliano Leva, dell’associazione “Colori nel Mondo”. La messa in scena, riservata agli studenti della scuola Marconi, è prevista alle 9.30 del mattino presso “Il Pidocchietto” di via dei Lauri, ad Aprilia.

“Esiste la storia scritta, quella che si impara sui libri, la storia visiva, quella che si vede nei documentari, nelle immagini in movimento, e anche nelle pellicole cinematografiche, ma esiste anche la storia orale, una fonte e una risorsa fondamentale, oltretutto di grande fascino, che è quella vissuta in prima persona da coloro che ne parlano.
È una memoria storica che non passa attraverso la documentazione ufficiale, ma si avvale della relazione profonda dei singoli con la vicenda storica. Io credo che i migliori archivi della memoria, quelli che contengono le informazioni più preziose, siano quelli che risiedono nelle teste e nei cuori di ognuno di noi, e degli anziani in particolare, con le loro intense esperienze di vita.
Attraverso la memoria individuale in “Ti racconto di noi…c’era una volta Aprilia” di Giuliano Leva, con la collaborazione di Cristiano Puddu e Giulio Tassi, sono stati raccolti frammenti autobiografici ricomposti in un mosaico di storie collettive da cui traspare l’identità di Aprilia. L’obiettivo è di ritrovare noi stessi e lasciare traccia del nostro passaggio alle generazioni future.

Le testimonianze dei narratori che hanno voluto partecipare ad uno spettacolo che parla di persone, cose, eventi, strade, case, abitudini: di tutto ciò, insomma, che nelle diverse epoche attraverso le quali Aprilia e generazioni di persone sono cresciute, ha costituito la vita locale, l’ambiente umano e sociale.

Senza dar credito alla retorica della nostalgia, ma per lasciar riaffiorare noi stessi attraverso fatti e persone. E magari anche i valori fondanti che ci hanno guidato, come il rispetto, la fatica per ottenere risultati che oggi spesso si danno per scontati…

Perché non ci nutriamo solo di cibo. Dall’analisi della propria storia si impara, si scoprono nuovi aspetti di noi. Magari ci accorgiamo che ci piace tornare a socializzare e a ritrovarci attorno a un progetto condiviso capace di farci star bene, smentendo fra l’altro quel luogo comune secondo cui nelle città , in particolare nel nostro paese non si può fare niente: la realtà è che basta solo iniziare a muoversi e a fare. Il resto, statene certi, poi arriva …..lo hanno dimostrato Giuliano Leva e i NarrAttori Tonino D’Annibale, Pina Farina, Massimo Giammaria, Sandro Grasselli, Dino Massarenti, Pietro Nencini, Pasqualino Nuti, Rita Nuti, Roberto Nuti, Maria Teresa Trappolini e i giovani musicisti Carlotta Battagliero e Riccardo Rettaroli.”

P.D.

Studio93

apr 13th by ceraunavoltaprilia

07th

Lo spettacolo la mattina per le scuole

Il Regista Giuliano Leva e i NarrAttori salutano ringraziando la comunità di Aprilia per la continua presenza e partecipazione
allo spettacolo teatrale “Ti Racconto di Noi…c’era una volta Aprilia” andato in scena presso ristorante teatro Il Pidocchietto Aprilia.
L’avventura si è aperta il 17 Dicembre 2014 e il Vostro affetto e calore ci hanno spinto a replicare i nostri e i vostri racconti fino al 17 febbraio 2015.
Lo spettacolo continuerà la mattina per le scuole, per donare ai nostri ragazzi un po’ di quella memoria storica della quale tutti noi ne sentiamo la necessità.
Mentre l’appuntamento con la comunità apriliana sarà ad ottobre.

Nelle foto Alcuni momenti dello spettacolo

Arrivederci
www.ceraunavoltaprilia.com
Per info e comunicazioni
[email protected]

mar 07th by ceraunavoltaprilia

04th

In scena il 17 febbraio

selfie-NarrAttoriLo spettacolo teatrale, per la regia di Giuliano Leva, la mattina verrà proposto alle scuole; alle 21.00 per l’intera cittadinanza. Info e prenotazioni allo 06/92.75.620.

Lo spettacolo teatrale “Ti racconto di noi…c’era una volta Aprilia” di Giuliano Leva, visto il grande successo di pubblico, verrà riproposto martedì 17 febbraio, nella consueta cornice de “Il Pidocchietto” di via dei Lauri, ad Aprilia. La mattina lo spettacolo andrà in scena per le scuole; alle 21.00 per l’intera cittadinanza. Info e prenotazioni allo 06/92.75.620 – www.ceraunavoltaprilia.com – [email protected]
“Tra sorrisi, emozione e qualche lacrima tra i presenti, è andata in scena, martedì 20 gennaio, la replica dello spettacolo teatrale “Ti racconto di noi: c’era una volta Aprilia”, che ha seguito, per partecipazione di pubblico ed entusiasmo la Prima del 17 dicembre e le repliche successive.
La regia di Giuliano Leva, coadiuvato per la sceneggiatura e le musiche da Cristiano Puddu e Giulio Tassi, ha riportato sul palcoscenico dello storico “Cinema Teatro Aprilia” (già Cinema Littorio”) la storia della nascita e rinascita della città attraverso i racconti di chi quella storia l’ha fatta e sofferta. Pasqualino Nuti ci ha accompagnati, con il suo toccante racconto, in una Aprilia distrutta e desolata ma illuminata dalla felicità dei suoi genitori che si rincontrano pur tra le macerie della loro casa; Tonino D’Annibale ha fatto ricordare agli spettatori meno giovani, il sapore della farina di castagne e delle carrube che lui comprava con i ricavi della vendita di schegge di ferro delle bombe; Sandro Grasselli e Dino Massarenti, (che hanno iniziato il loro intervento ricordando la figura di Bernardino Tofani), ci hanno raccontato di una Aprilia povera ma affamata di riscatto, di rinascita spirituale e culturale, fame che fa da humus per la nascita della Polisportiva Aprilia (poi Simmenthal, grazie alla lungimiranza e alla generosità dell’ Ing. Pietro Sada), della Filodrammatica, del Judo e della Boxe con i suoi atleti(tra cui gli stessi Grasselli e Massarenti!) di livello nazionale; dei tanti gruppi musicali tra cui, uno fra tutti, quello de “I Delfini” di cui si ricorda la storica tourne con Rita Pavone e Teddy Reno Tutto questo sapientemente unito e sottolineato dalla prosa pacata, dalla ricca memoria storica e dall’elegante presenza scenica di Pietro Nencini e dall’accompagnamento musicale dei giovanissimi musicisti Carlotta Battagliero, al pianoforte e Riccardo Rettaroli alla chitarra.
Il passare degli anni e della Storia è stato delicatamente calibrato da Giuliano Leva che, con la sua regia, ha saputo evidenziare il passaggio da una memoria in “bianco e nero” ad una a “colori” con la verve di Massimo Giammaria “il Rockettaro” e i racconti teneri e spiritosi di Maria Teresa Trappolini, Roberto e Rita Nuti (di cui non possiamo non citare, il magistrale accompagnamento musicale al commovente racconto del papà). Con la saggezza di chi ha contribuito ad elevare Aprilia culturalmente e socialmente, Pina Farina, lancia una provocazione ai presenti e invita a non fermarsi mai e ad andare “fin dove lo sguardo non arriva più” non smettendo mai di domandarsi: “E allora, che facciamo…?” La chiusura della serata è affidata alle suggestive note della fisarmonica di Fabio Battagliero“.

feb 04th by ceraunavoltaprilia

07th

Si replica il 20 gennaio

L’opera – con la regia di Giuliano Leva – ha stregato il pubblico e spinto gli organizzatori a proporre un nuovo appuntamento.
Si replica, a grande richiesta, con lo spettacolo teatrale “Ti racconto di noi…c’era una volta Aprilia” andato in scena nel mese di dicembre scorso al Pidocchietto di via dei Lauri. L’opera – con la regia di Giuliano Leva – ha stregato il pubblico e spinto gli organizzatori a proporre un nuovo appuntamento. Si torna in scena martedì 20 gennaio alle 11 per la scuola Giovanni Pascoli e alle 21.00 per l’intera comunità  leggi l’articolo su Studio93

c'era una volta Aprilia

Serata del 17 Dicembre

gen 07th by ceraunavoltaprilia

21st

La memoria storica si fa spettacolo

DI LORELLA IACI – www.ilquotidianodilatina.it

Applausi convinti del pubblico in teatro tra ricordi e forti emozioni
C’era una volta Aprilia
La memoria storica si fa spettacolo: successo al Pidocchietto

Articolo Lorella iaciAnche la location era perfetta. Il «Pidocchietto» infatti, ha avuto un suo ruolo nella storia di Aprilia, primo cinema e teatro della città.
«C’era una volta Aprilia», lo spettacolo andato in scena nei giorni scorsi, ha emozionato veramente tutti, sia quanti nella città pontina hanno vissuto l’era della bonifica, sia chi ha ripercorso la storia del territorio attraverso i racconti dei nonni o dei bisnonni. Sotto la regia magistrale di Giuliano Leva, in collaborazione con Giulio Tassi e Cristiano Puddu, è stato possibile rivivere l’intensità emozionale dei tempi della guerra, le paure ma anche i giochi con palle di stracci fra le macerie di una città tutta da ricostruire.
Ad aprire la scena i signori Nencini e Nuti, e la memoria è tornata al luglio del 1943: erano bambini di appena 10 anni quando gli aerei cominciarono a bombardare Aprilia.
Immagini, foto, aneddoti hanno ricreato l’atmosfera di allora per un viaggio nel passato che si è prolungato istante dopo istante grazie ai personaggi che hanno permesso che ciò accadesse. Sandro Grasselli, Rita Nuti (cresciuta con i racconti del papà) e Tonino D’Annibale con la storia delle schegge che venivano cercate e ricercate sotto i resti della città distrutta perché potevano essere vendute; e con loro moltissimi altri.

Tutto è tornato ad essere. Ecco, allora, la nascita della Polisportiva datata 1956, ripercorsa da Dino Massarenti; e a seguire ecco i ricordi di Riccardo Paduk, Roberto Nuti, Massimo Gianmaria e di Pina Farina, lei che ai tempi del conflitto aveva solo 8 anni, ma che ancora ricorda fresco il profumo della Cantina sociale Enotria che produceva l’oro di Aprilia, il vino. Si è parlato anche della Simmenthal, della grande fabbrica, mentre la signora Tosi (attraverso un video, la figlia presente sul palco) ha fatto tornare alla mente le abitudini di un quotidiano forse più sano, con un pensiero alla nascita del Cral, il dopolavoro, in grado di accogliere tutto il mondo infantile di Aprilia, tanto voluto dal fondatore, il signor Sada.

Le testimonianze sono state numerose e molto intense. I protagonisti della storia di Aprilia sono riusciti a descrivere con scrupolosa e dettagliata cronologia la guerra, così come vista dagli occhi di bambini che poi sono diventati adolescenti e adulti. Uno sguardo saggio, attento, spesso impaurito, in grado di svelare le assurdità generate dalla violenza.
La narrazione si è svolta senza colpi di scena, un susseguirsi di notizie storiche rese da persone che ancora sentono sulla pelle il brivido della paura provata nel pieno sonno della notte per i vetri di casa andati in frantumi a causa di bombe lanciate dall’alto, o «semplicemente» la tristezza procurata dall’avere tanta fame.

Bella l’idea di Giuliano Leva, nata proprio dall’esigenza di approfondire le vicende di questa città, prima e dopo la seconda guerra mondiale, allargando lo sguardo alle trasformazioni che si sono susseguite. Il progetto ha proprio lo scopo di fare rivivere in qualche modo il territorio, e di farlo attraverso uno spettacolo che diventa strumento di comunicazione tra generazioni diverse, dando all’anziano un ruolo finalmente da protagonista, e offrendo al giovane un mezzo di conoscenza inusuale e partecipativo.

dic 21st by ceraunavoltaprilia

19th

Serata del 17 dicembre

Finalmente in scena, dopo incontri fatti di racconti dai quali estrapolare il meglio…ma tutto era il “meglio”…la scelta, la scrematura è stata difficile.
Un plauso a questi NarrAttori della nostra città di Aprilia, che hanno voluto donare un pezzetto della loro vita regalandoci forti emozioni.
Nella speranza di stimolare i nostri giovani a ritrovarsi insieme con la voglia di “fare”.

dic 19th by ceraunavoltaprilia

08th

Storia di una città sulle orme di Pirandello

ilquotidianodilatinaDI LORELLA IACI 
Se per Pirandello erano sei i personaggi in cerca di autore, qui ne troviamo 12 che attraverso la strategica regia di 3 autori, Giuliano Leva, Giulio Tassi e Cristiano Puddu, mettono in scena «Ti racconto di noi… C’era una volta Aprilia». Dopo un richiamo a chi voleva partecipare, fatto attraverso una semplice locandina affissa nel mese di agosto, ecco presentarsi all’appello i signori più anziani della città, che attraverso la loro memoria storica fanno rivivere la storia di Aprilia dalla nascita fino a dopo la seconda guerra mondiale, tutto ciò dando vita ad uno spettacolo teatrale. «L’idea nasce – ci racconta
Giuliano Leva – dall’esigenza di approfondire la storia di questa città, prima e dopo la seconda guerra mondiale, attraverso i racconti e le storie anche personali dei nonni e di come hanno vissuto la nascita di Aprilia, le trasformazioni che si sono susseguite, da zona agricola a zona industriale e a zona post industriale. Il progetto ha lo scopo di far rivivere in quale modo il territorio e i cittadini si sono influenzati a vicenda; quali cambiamenti ha subito Aprilia dal dopoguerra ad oggi e quali sono quelli tutt’ora in atto; le esperienze di vita degli anziani quando erano adolescenti, ragazzi, confrontandoli con l’attuale  adolescenza, rilevandone i cambiamenti le differenze tra i passatempi, le abitudini del loro tempo e quelli odierni, la differenza tra il lavoro, le condizioni economiche, la scuola e le infrastrutture, i punti di aggregazione nel tempo».

La rappresentazione teatrale, dove i personaggi, si raccontano stando semplicemente seduti senza mobilità di scena, è accompagnata da un video dove i protagonisti saranno i soggetti attivi, gli stessi che avranno costruito insieme lo spettacolo, nella rappresentazione dei ricordi, nel confronto tra le generazioni rispetto alle esperienze di vita reale. Come base musicale invece, ragazzi di 15 anni, studenti dell’Istituto Musicale di Latina, alcuni di loro alla prima esperienza. Quindi, la tanta esperienza e la vita vissuta, che si interseca con la poca esperienza dei rappresentanti della nuova generazione, anche questo secondo gli autori, una sperimentazione assolutamente ben riuscita.

Insomma uno spettacolo, che diventa strumento di comunicazione tra generazioni diverse, dando all’anziano un ruolo finalmente da protagonista e al giovane un mezzo di conoscenza inusuale e partecipativo.

Questo progetto proposto come percorso socio-educativo con l’obiettivo di diventare memoria per Aprilia attraverso la storia della città e soprattutto il carattere, gli umori, gli stati d’animo delle persone che l’hanno vissuta in prima linea, ha partecipato ad un bando regionale, ricevendo consenso e appoggio. E dopo aver raccontato di loro, non resta quindi che rinnovare l’appuntamento al «Pidocchietto» di Aprilia il 17 dicembre alle ore 10 per le scuole e alle 21 per la cittadinanza.

SUL PALCO DEL PIDOCCHIETTO DI APRILIA

www.ilquotidianodilatina.it

dic 08th by ceraunavoltaprilia

05th

Aprilia si racconta…

inmovimento_artIl 17 dicembre la prima di “Ti racconto di noi…c’era una volta Aprilia”, lo spettacolo teatrale sulla storia della città di Aprilia
Aprilia raccontata attraverso la voce di chi l’ha vissuta.

Finalmente ci siamo. Lo spettacolo “Ti Racconto di Noi… C’era una volta Aprilia” è pronto per andare in scena.
L’appuntamento è presso il teatro Pidocchietto per il 17 Dicembre alle ore 21:00.

Aneddoti, ricordi, storie che vanno a ripercorrere gli anni della Fondazione, della Guerra e della successiva ricostruzione. E’ questo l’obiettivo del progetto “Ti racconto di noi…C’era una volta Aprilia”, realizzato da Il Pidocchietto Aprilia e da Giuliano Leva. Un progetto che ha come obiettivo quello di arrivare a realizzare uno spettacolo teatrale basato appunto sui racconti dei protagonisti, di chi la storia di Aprilia l’ha vissuta davvero e in prima persona. Nei mesi scorsi è stato realizzato il lavoro di raccolta del materiale, determinante per arrivare poi alla selezione di ciò che andrà in scena questo Natale.

“Lo spettacolo nasce dall’esigenza di approfondire la storia di Aprilia, prima e dopo la II Guerra Mondiale – spiega Giuliano Leva, che è anche regista dello spettacolo – Per mantenere la memoria storica i nonni si raccontano e ci raccontano come hanno vissuto la nascita di Aprilia e la trasformazione da zona agricola, a zona industriale a zona post industriale. Il progetto ha lo scopo di far rivivere in quale modo il territorio e i cittadini si sono influenzati a vicenda; le esperienze di vita degli anziani quando erano adolescenti, ragazzi, confrontandoli con l’attuale adolescenza, rilevandone i cambiamenti le differenze tra i passatempi, le abitudini del loro tempo e quelli odierni, la differenza tra il lavoro, la scuola e le infrastrutture, i punti di aggregazione nel tempo. Quello che si propone è un percorso socio/educativo che diventi memoria per Aprilia e attraverso lo spettacolo raccontare la storia della città e soprattutto il carattere, gli umori, gli stati d’animo delle persone che l’hanno vissuta in prima linea. Durante i monologhi – prosegue Giuliano Leva – saranno proiettate le immagini raccolte cercando di ripercorrere le fasi storiche della città. Immaginiamo, ad esempio, di poter partire dall’immagine di un oggetto o da una fotografia, dalla quale è possibile ricostruire un racconto, un aneddoto, qualcosa che ricostruisca la quotidianità di allora, di quegli anni per noi lontani che sono stati quelli della Fondazione della successiva ricostruzione della città dopo la Guerra.

Puntiamo a rimettere in fila la quotidianità di allora, a fare in modo che certi ricordi non vadano persi nel tempo, ma vengano recuperati attraverso il racconto orale”. Insomma, i racconti dei nonni e dei genitori stanno per diventare materiale di uno spettacolo teatrale di certo innovativo per Aprilia. I protagonisti saranno le persone comuni, che dal palco racconteranno i loro ricordi, le loro storie, le loro emozioni.

Un evento che unisce la storia locale con il teatro. Aprilia è una città che siamo abituati a pensare relativamente giovane, ma parte della sua storia più antica rischiamo davvero di perderla perché ci rendiamo conto di non conoscerla affatto. Lo spettacolo ideato da Leva ci offre proprio questa possibilità, ovvero conoscere cosa era Aprilia nella quotidianità della sua Fondazione e in quei giorni che hanno segnato la ricostruzione post bellica (art. il movimento)
Tonj Ortoleva

dic 05th by ceraunavoltaprilia

Privacy Policy